REBIBBIA: CANGEMI, SERVONO SOLUZIONI STRUTTURALI, NON CAPRI ESPIATORI

(OMNIROMA) Roma, 19 SET 2018 - "La tragedia che si è consumata a Rebibbia dovrebbe indurre la politica a cercare soluzioni strutturali, non capri espiatori. Il ministro Bonafede riveda la decisione, a dir poco affrettata, di sospendere la direttrice dell'Istituto e altri operatori. Il problema delle madri detenute che hanno figli piccoli in carcere è noto e irrisolto da anni e i direttori delle strutture sanno bene quanto sia difficile gestire situazioni tanto delicate. Punirli per un disagio cronico che in prima persona cercano, quotidianamente, di affrontare al meglio, appare francamente eccessivo. Se il ministro vuole dare un segnale forte e immediato, si attivi per accelerare l'apertura di strutture adeguate, come l'Icam, facendo uscire i bambini, figli di detenute, dalle carceri". E' quanto dichiara il consigliere regionale del Lazio, Giuseppe Cangemi, vice presidente del Consiglio regionale del Lazio.