Omniroma-SANITÀ, CANGEMI (NCD): "CABINA DI REGIA GIUNTA PRIMO GRANDE SPRECO"

(OMNIROMA) Roma, 05 MAR - "Non c'è solo lo scandaloso sperpero di denaro pubblico per i dirigenti esterni nella Regione Lazio, la punta di diamante degli sprechi della Giunta Zingaretti è la cabina di regia della sanità". E' quanto dichiara Giuseppe Cangemi, consigliere Ncd della Regione Lazio. "Il Tar ha scoperchiato finalmente l'illegittimità delle assunzioni esterne - aggiunge - ora pretendiamo che Zingaretti ci illumini sulla cabina di regia guidata dall'ex trombato della politica, Alessio D'Amato premiato con un giocattolo costruito su misura su di lui. Solo dopo molte insistenze, abbiamo saputo che questa cabina costa 600mila euro l'anno alle casse della Regione Lazio. Vogliamo sapere a cosa serve, quali indispensabili funzioni svolga, quale sia il ruolo e il valore aggiunto del coordinatore D'Amato, a parte quello di portare a casa uno stipendio. E soprattutto che cosa avrebbe prodotto la cabina di regia in questi due anni per la sanità del Lazio che, come è noto, è ancora commissariata e quindi sotto la responsabilità diretta del commissario ad acta Zingaretti e del suo sub commissario, ad oggi Bissoni, nonché sottoposta al controllo vigile dei ministeri dell'Economia e della Sanità. Zingaretti - conclude - millanta di aver ridotto società ed eliminato carrozzoni, poi però impone una cabina di regia che sa tanto di scatola vuota buona solo a distribuire, ancora una volta, comodissime poltrone. Caro Zingaretti, la Regione Lazio non è un ufficio di collocamento".