Omniroma-MAFIA CAPITALE, CANGEMI (NCD): ZINGARETTI RIMUOVA DIRIGENTI COINVOLTI O LASCI

(OMNIROMA) Roma, 17 GIU - "Zingaretti oggi ci dica qualcosa di nuovo altrimenti non ha alcun senso continuare. Oggi la regione Lazio, così come il Campidoglio, è ingessata a causa di un senso di paura e di preoccupazione. Mi aspetto dopo la presentazione di questa mozione di sfiducia che Zingaretti si impegni a rimuovere tutti quei dirigenti che risultano in qualche modo coinvolti nell'inchiesta in corso perché, se dovesse accadere qualcos'altro, allora dovrà dimettersi senza che glielo chieda l'opposizione". Lo ha detto Gisueppe Cangemi, consigliere regionale Ncd durante la discussione sulla mozione di sfiducia alla Pisana. "Zingaretti sostiene di aver aumentato gli anticorpi ma davvero non sappiamo come: questa Giunta - ha aggiunto - ha voluto abolire l'Abecol dando un segnale di abbassamento del livello di guardia, per poi creare un'altra agenzia regionale e fare posto all'ennesimo dirigente esterno; se non ci fosse stata l'opposizione a battere i pugni, le politiche per la sicurezza sarebbero state completamente azzerate. Ancora, non si capisce in base a quale logica partitica non si procede alla nomina del nuovo Garante per i detenuti per non parlare dell'ingresso di un rappresentante della Dia nell'Osservatorio per la sicurezza su cui Zingaretti chiede di accelerare e poi la sua maggioranza resta ferma. Con la sfiducia di oggi, confermiamo la sfiducia del primo giorno quando Zingaretti aveva annunciato una regione diversa, che tutto sarebbe cambiato e le cose invece in questi due anni sono solo peggiorate. Zingaretti pensa davvero che in questa situazione incertezza si possa andare avanti? Con dirigenti terrorizzati? Con la macchina amministrativa paralizzata? Se questo è il metodo per andare avanti saranno i cittadini a pagare un prezzo alto. Quindi Zingaretti faccia un passo in avanti oppure uno indietro che è meglio fare oggi".