CANGEMI: "NUOVA LEGGE EDITORIA GUARDA ALLE NUOVE TECNOLOGIE"

Roma, 10 NOV - "La legge approvata dal Consiglio regionale del Lazio sul riordino in materia di informazione e comunicazione ha necessitato di 36 articoli per riordinare il comparto. E' una legge che guarda alle nuove tecnologie e si pone alcuni problemi come la salvaguardia di principi etici, e che va incontro alla crisi che sta vivendo questo. È una legge che riordina in maniera complessiva e definitiva il ruolo del Corecom della nostra regione, parte dalle nuove tecnologie, senza trascurare i vecchi sistemi dell'informazione tradizionale. Abbiamo sostanzialmente inserito tutti i vari passaggi fino ad arrivare anche alla distribuzione sul territorio. È stata finanziata in questo momento difficile per la nostra regione, nel tentativo di recuperare anche tutte quelle professionalità che hanno perso il posto di lavoro e per arrivare a queste definizioni di necessità abbiamo audito circa 150 realtà, sia del settore che legate a realtà sindacali, proprio per raccogliere il grido di allarme. Abbiamo registrato anche la necessità di garantire trasparenza e più protezione per alcuni sistemi di informazione, pensando ai minori a alla tutela delle fasce protette e deboli. È stata finanziata per un biennio con 2 milioni di euro, quindi prevede impegni diretti a sostegno di nuove progettualità, ma anche a sostegno delle situazioni critiche che stanno vivendo molte realtà regionali". Così, in una nota, il consigliere regionale Giuseppe Cangemi.